Nella metà del I secolo a.e.v. fu sviluppata la tecnica del soffiaggio, che ha permesso che oggetti prima rari e costosi divenissero molto più comuni. Durante l’Impero Romano il vetro fu plasmato in molte forme, principalmente vasi e bottiglie. I primi vetri erano di colore verde a causa della presenza di impurità di ferro nella sabbia utilizzata.

Nel V-VII secolo d.C. si sviluppa l’uso del mosaico in vetro nell’arte bizantina. Oggetti in vetro risalenti ai secoli VII e VIII sono stati rinvenuti sull’isola di Torcello, vicino a Venezia.

Una svolta nella tecnica produttiva si è avuta intorno all’anno 1000, quando nel nord Europa la soda fu sostituita con la potassa, più facilmente ottenibile dalla cenere di legno. Da questo momento i vetri del nord differirono significativamente da quelli originari dell’area mediterranea, dove si è mantenuto l’impiego della soda.

L’XI secolo vide l’emergere, in Germania, di una nuova tecnica per la produzione di lastre di vetro per soffiatura, stirando le sfere in cilindri, tagliando questi ancora caldi e appiattendoli quindi in fogli. Questa tecnica fu poi perfezionata nel XIII secolo a Venezia (centro di produzione vetraria del XIV secolo), dove furono sviluppate nuove tecnologie e un fiorente commercio di stoviglie, specchi ed altri oggetti di lusso. Alcuni vetrai veneziani si spostarono in altre aree d’Europa diffondendo così l’industria del vetro.

Fino al XII secolo il vetro drogato (cioè con impurità coloranti come metalli) non fu impiegato.

Nel 1271 lo statuto chiamato Capitolare di Venezia tutelava la manifattura del vetro veneziano, proibendo che venissero importati vetri dall’estero e negando ai vetrai stranieri la possibilità di operare a Venezia. Nel 1291viene decretato il trasferimento delle vetrerie da Venezia all’isola di Murano, in modo da confinare eventuali incendi.

A Venezia alla fine del XIII secolo, si fa risalire l’invenzione degli occhiali con lenti in vetro quando i “cristalleri” della Serenissima, per le lenti da vista, iniziarono a sostituire il berillo, utilizzato fino ad allora, con il vetro.

Lavorato a Mano

Solo la maestria e passione dei nostri maestri è in grado di dare vita alla pasta di vetro senza ausilio di stampi.

Centrifugato

Con tale procedimento gli oggetti non vengono soffiati come per il solito vetro cavo, ma vengono formati partendo da una levata di notevole consistenza che viene poi centrifugata.

Piastrato

La lavorazione del vetro in piastra è tra le meno celebri e diffuse ma comunque artistica ed affascinante.

Soffiato

“Vetro soffiato” viene chiamato, perché gli artigiani lo modellano soffiando all’interno di una lunga canna, proprio come vuole la tradizione.